Circa 10 anni dopo la fine della Seconda guerra mondiale l'esigenza di navi di nuova generazione, progettate fin dall'inizio per l'impiego di missili guidati, cominciò a ricevere la dovuta attenzione, con l'ideazione di diverse classi di unità tra le 3.000 e le 10.000 tonnellate. I fumaioli sono raggruppati in 2 complessi, uno per blocco di sovrastrutture. Un incrociatore, nella terminologia militare moderna, è una grande nave da guerra in grado di ingaggiare bersagli multipli simultaneamente. Si tratta di navi che hanno fatto fare un grande salto in avanti alle capacità operative dell'US Navy, grazie al nuovo radar AN/SPY-1. La maggioranza delle flotte da guerra erano composte dai più lenti e grossi vascelli che ci si aspettava affrontassero i combattimenti che le fregate dovevano evitare. L'AN/SPY-1 ha anche un nome significativo, è infatti un radar multiruolo, in quanto questo significa Y, mentre i predecessori erano apparati per la sola scoperta (S) o per il tiro (G).Nonostante questo, come gli occhi dei ragni, che vedono tutt'attorno ma non a grandi distanze, l'AEGIS ha maggiore enfasi sul numero di bersagli e la simultaneità dell'osservazione che sulla portata massima, ed è per questo che sui "Ticos" esiste anche un radar a lungo raggio SPS-49, mentre per il controllo del tiro vi sono radar separati, gli SPG-62. Nella Marina Sovietica gli incrociatori formarono la base dei loro gruppi di combattimento. L'intenzione era di creare in questo modo una nave che fosse più veloce di un incrociatore (grazie alla minore corazzatura e quindi al minor peso) ed armata con cannoni molto più potenti, così da poter cacciare e distruggere gli incrociatori avversari. Venti di guerra nelle acque della Somalia. Seguire una portaerei sopra i 20, o addirittura sopra i 30 nodi, depaupera le riserve in pochi giorni. Parcheggio Bologna. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 20 ott 2020 alle 11:09. In questo senso, la minaccia originaria portata dagli aerei dell'epoca contro le navi della Seconda guerra mondiale, se non altro ben armate contro minacce a brevi distanze, con la loro selva di armi automatiche, e la capacità di incassare colpi duri restando operative, non è necessariamente fronteggiabile al giorno d'oggi dalla maggior parte delle navi antiaeree: se un attaccante sa come avvicinarsi, allora nessuna unità sarà al sicuro, perché non esiste difesa priva di punti deboli. Un tipo ancora più limitato fu l'incrociatore ausiliario, una nave da trasporto che, allo scoppio di una guerra, veniva affrettatamente armata con cannoni di piccolo calibro. Il riallineamento di incrociatori-cacciatorpediniere-fregate e la cancellazione del tipo "Scorta Oceanica" portò le designazioni della Marina USA in linea con il resto del mondo, eliminando molte confusioni con marine straniere. Sulle sovrastrutture sono presenti 4 antenne a dipoli in fase, costituite ciascuna da una superficie di 13,32 m2 (3,7x3,7 m) in cui esistono 4080 elementi radianti, detti sfasatori, che vengono commutati per emettere radiazioni simultaneamente su diverse direzioni contemporanee, cioè operando come tante piccole antenne, che deflettono elettronicamente in azimut e elevazione il loro raggio e cercano attraverso lo spazio aereo circostante.Con le 4 antenne fisse, sistemate sul torrione e sull'alta sovrastruttura poppiera, si coprono i 360 gradi ed esse –e la memoria dell'elaboratore- consentono di seguire oltre 200 bersagli simultaneamente, come se fossero molteplici occhi che guardano e osservano ogni singolo oggetto, quando la tipica antenna meccanica opera come un faro, ruotando attorno al proprio asse ed emettendo un unico fascio d'onde.Una versione di mezzo è data da apparati come l'SPS-48 o l'EMPAR, che ruotano ma operano una scansione elettronica in elevazione, senza muovere l'antenna sul piano verticale. Questo (l'8 pollici) era il cannone più grosso che il Trattato navale di Washington permetteva agli incrociatori pesanti delle nazioni firmatarie e divenne di fatto lo standard internazionale per gli incrociatori pesanti; solo cinque incrociatori furono costruiti con cannoni più potenti: le tre "corazzate tascabili" tedesche della classe Deutschland ed i due "grandi incrociatori" della Marina degli Stati Uniti classe Alaska costruiti durante la seconda guerra mondiale. classe di incrociatori lanciamissili della United States Navy. Gli episodi del Princeton e del Cole dimostrano poi il concreto pericolo delle "minacce asimmetriche" basate rispettivamente su mine da fondo e barchini esplosivi. Descrizione generale. Verso la fine degli anni '60, però, era nuovamente in fase di studio un radar di caratteristiche avanzate, integrato nel programma ASMS, basato sulla tecnologia dei dipoli in fase (phased array) aggiornata ai più recenti standard. Per quanto riguarda la progettazione del resto della nave, il Ticonderoga ha uno scafo derivato da quello degli Spruance, forse grazie all'esperienza dei Kidd (praticamente, il sistema d'arma dei Virginia nello scafo degli Spruance), ed è motorizzato da 4 turbine a gas GE LM 2500, diffuso ed affidabile apparato propulsivo, con 2 turbine accese per la crociera, tutte e 4 per la massima velocità. La prima fu una nave da battaglia pre-dreadnought che prestò servizio nella Regia … La classe Virginia era una classe di incrociatori lanciamissili in servizio con la United States Navy da metà anni settanta a metà anni novanta. Questo apparato era l'SPY-1 della Raytheon, che sarebbe dovuto andare all'incrociatore Virginia. Queste navi furono successivamente designate come incrociatori principalmente per motivi di rappresentanza, con lo scopo di evidenziare le capacità del sistema di combattimento Aegis su cui queste navi erano fondate. Il software originario, del 1983, aveva 820.000 righe, ma nei vari aggiornamenti, chiamati Baseline, è diventato molto più complesso; il Baseline 4 del 1989 aveva 1 milione di righe, ma il 5 phase III ha 6,5 milioni di righe. Giusto prima della prima guerra mondiale venne tentata una deviazione significativa dalla regola, all'epoca in vigore per il progetto delle navi da guerra, che prevedeva che esse dovessero essere corazzate in modo da resistere ad attacchi di una nave con armamento uguale al proprio. Le navi classificabili come incrociatori missilistici (hull classification symbol: CG) sono grandi incrociatori generalmente oltre le 5.000 tonnellate, che possiedono un pesante armamento basato su missili.Generalmente sono dedicate alla difesa aerea, ma non sono mancate unità antinave, antisommergibile, antiaeree e persino lanciamissili balistici nucleari. 15 relazioni. NORTHAMPTON CLASS. Dopo la prima guerra mondiale questi termini vennero codificati nei vari trattati di limitazione delle armi. I Ticos sono entrati in linea come navi antiaeree, con compiti offensivi limitati, e nei primi 4 anni ne sono state realizzate solo 5.Il Ticonderoga, curiosamente, venne subito impiegato per bombardare posizioni siriane e druse in Libano, nel 1983-1984, e l'US Navy rischiò qualcosa con tale nave così sofisticata e utilizzata sotto costa per azioni di cannoneggiamento eseguibili da qualunque altra unità. Che riprendeva il concetto.mw-parser-output .chiarimento{background:#ffeaea;color:#444444}.mw-parser-output .chiarimento-apice{color:red}[non chiaro] del FRESCAN SPS-32 dell'USS Long Beach, ma sviluppato con tecnologie moderne ed elettronica allo stato solido, abbinato a missili molto migliorati rispetto a quanto disponibile negli anni 1960. Ovvero, un conto è dire che una certa nave ha 30 nodi di velocità, un conto dire che essa ha una autonomia massima di 6000 miglia. La classe Virginia era una classe di incrociatori lanciamissili in servizio con la United States Navy da metà anni settanta a metà anni novanta. Ma siccome per quando venne approntato il radar esso era già in fase di costruzione e non poteva essere modificato facilmente, si preferì destinarlo alle navi classe Ticonderoga, che derivavano dai caccia Spruance e avevano propulsione convenzionale. INCROCIATORI PESANTI (HEAVY CRUISER) PENSACOLA CLASS. Costituita da una serie di 4 unità, dal lungo e confuso iter progettuale, ma considerate subito giustamente incrociatori missilistici a propulsione nucleare, CGN, secondo la denominazione della US Navy. Le prime navi corazzate, sebbene usate nella linea di fila, dopo pochissimi esempi di vascelli a vapore, furono denominate fregate perché, in questa generazione, possedevano un singolo ponte cannoni a causa del peso della corazzatura. L'incrociatore da battaglia (traduzione letterale del termine inglese battlecruiser) fu un tipo di grande nave da guerra dell'inizio del XX secolo.Si evolse a partire dall'incrociatore corazzato man mano che la nuova tecnologia permise di costruire navi più grandi. Se poi i bersagli hanno ridotta RCS (<0,1 m2) ed elevata velocità, il tempo per reagire e attaccarli prima che giungano sotto la minima distanza sarà ridottissimo.Tutto questo non è solo accademia. Gli AEGIS hanno una tale flessibilità operativa che, grazie ai loro lanciatori Mk 41 (i VLS, per l'appunto) possono ospitare missili SAM, SSM, ASW. In entrambe le guerre mondiali la Germania utilizzò piccole navi da trasporto armate con cannoni da incrociatore (15cm di calibro) per sorprendere navi da trasporto alleate che non realizzavano in tempo la loro natura. DLG/DLGN (Fregate con motori ad energia nucleare) furono ridesignate CG/CGN (Incrociatore Lanciamissili Guidati/Incrociatore Lanciamissili Guidati Nucleare). Con la realizzazione dei Ticos la marina USA non si è voluta far mancare nulla, e così esiste sia un sonar di prua a bassa frequenza, che uno rimorchiato, più ben 2 elicotteri ASW, per la prima volta in un incrociatore dell'US Navy. (Reindirizzamento da Classe Belknap (incrociatore)) Classe Belknap. Modifica. Lo spazio una volta occupato dalle corazzate, dove poi sono saliti alla ribalta i grandi incrociatori lanciamissili, è ora occupato principalmente dalle fregate. Il sistema AEGIS viene gestito tramite elaboratori, originariamente gli AN/UYK-7, poi rimpiazzati con i AN/UYK-43 e AN/UYK-44 della produzione più recente, e infine processori di origine commerciale.Con essi il radar può seguire centinaia di bersagli di vario genere a varie quote e direzioni, in una visione tridimensionale, e presentarli su monitor multifunzionali, convergendo i fasci elettronici su un singolo oggetto, come su numerosi simultaneamente. Invece queste navi si dimostrarono disastrosamente vulnerabili quando ingaggiavano incrociatori da battaglia o corazzate in azioni di flotta, come nella battaglia dello Jutland nel 1916 quando tre incrociatori da battaglia britannici esplosero sotto il fuoco concentrato dei tedeschi. Incidentalmente, le navi programmate per averli ne possiedono solo un ridotto numero (32-48), essendo per lo più della classe delle fregate o cacciatorpediniere. La presenza poi di armi antiradar, come i missili HARM, rende l'avvicinamento degli aerei alla nave molto più pericoloso per quest'ultima, che potrebbe essere soggetta ad attacchi da parte di missili supersonici già da decine di km. Costituita da una serie di 4 unità, dal lungo e confuso iter progettuale, ma considerate subito giustamente incrociatori missilistici a propulsione nucleare, CGN, secondo la denominazione della US Navy. Poiché portavano meno corazzatura, questa era distribuita come un ponte sagomato all'interno del vascello piuttosto che coprirne le fiancate. Non si è ripetuto l'errore della classe Virginia, e i 4 radar consentono di ingaggiare fino a 10-12 bersagli alla volta. La soluzione della crisi arrivò grazie alla mediazione americana. Se gli attaccanti arrivano a pelo d'acqua, in una formazione potente ma non troppo grande per non essere manovrata al meglio, e si aiutano anche con ECM primordiali ma non prive di efficacia, come per l'appunto i chaff/window/gimanshi, al prezzo di qualche kg aggiuntivo a bordo, questo non può che causare alla nave ulteriori problemi, riducendo almeno leggermente il PK medio dei suoi missili. Oltretutto, il radar è in posizione elevata sul livello del mare, perché per quanto avanzato, l'AEGIS non è un radar con capacità di vedere oltre l'orizzonte, e in termini di portata di scoperta, nonostante quello che i suoi sostenitori spesso riportano, non ha nessun vero vantaggio su di un radar convenzionale con lo stesso output di potenza: non cambia niente se un dato livello di energia è irradiato da tante piccole antenne o da una sola grande.Una differenza, però, esiste ed è che un radar phased array costa fino a 100 volte quanto un apparato convenzionale di uguale portata, ed è molto più impegnativo da portare per una nave. L'ultimo incrociatore della Marine nationale fu la Colbert (C 611), ritirata dal servizio nel 1991; nasce come incrociatore leggero antiaereo in seguito viene trasformato in incrociatore missilistico. Nuovo!! Tutti salvo uno — il USS Long Beach — vennero convertiti dagli incrociatori classe Baltimore e Cleveland. BLQ: +39.051.4682846 Home; Parcheggio; Prenota; Servizi; Area riservata; F.A.Q Gli apparati elettronici non sono rimasti solo un supporto per sparare meglio o vedere a distanza, arrangiati in qualche parte delle sovrastrutture dove potevano essere installati in maniera decente, e integrati tra di loro in modi rudimentali, ma sono divenuti la ragione stessa della nave, totalmente integrati con gli elaboratori di bordo e le armi. La classe venne ideata con lo scopo di uniformare le capacità delle grandi unità antiaeree della marina statunitense verso un tipo che fosse più semplice e efficiente possibile, senza tuttavia dimenticare che la minaccia dei missili sovietici rendeva necessario, per pararne gli attacchi, mantenere gli standard elevati. Dagli anni 1950 fino agli anni 1970 gli "incrociatori" della U.S. Navy furono grandi vascelli equipaggiati con pesanti missili offensivi (incluso il missile con testata nucleare Regulus) per il combattimento a grande distanza contro bersagli terrestri e marini. Con i data link JTDS è possibile scambiare i dati rilevati con altre piattaforme, e con altri data link radio si può dirigere in sequenza i missili lanciati su singoli bersagli, attivando l'illuminazione radar solo nella fase finale. Le unità previste erano otto ma, essendo intanto finito il secondo conflitto mondiale, la costruzione di quattro di loro venne cancellata. L'USS Biddle, il protagonista di una battaglia aeronavale nel 1972. I sistemi phased array del Patriot e l'EMPAR hanno invece anche la capacità di fornire l'illuminazione diretta del bersaglio, senza altri radar specializzati. voci di classi di incrociatori presenti su Wikipedia, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Classe_Ticonderoga_(incrociatore)&oldid=116149273, Classi di incrociatori della United States Navy, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, SPY-1 AEGIS, radar combinato da scoperta aerea. Soli 3 uomini sopravvissero su un equipaggio di 1.419 unità. Essa nasceva soprattutto dalla paura che un'azione di saturazione da parte dei bombardieri sovietici potesse far sì che le pattuglie di intercettori della Marina statunitense venissero superate, e che lanci di missili a lungo raggio ed eventualmente con testate nucleari potessero sopraffare anche le difese, considerate forti ma non impenetrabili, delle navi di scorta statunitensi, mettendo a quel punto le portaerei in grave pericolo. Le navi cinesi sono il 50% più grandi degli incrociatori lanciamissili classe Ticonderoga. Ultimamente, in teoria, possono integrare i missili Standard SM con le loro versioni antimissile balistico, e con i Sea Sparrow a lancio verticale per la difesa ravvicinata.In particolare, questi ultimi dovrebbero essere i Sea Sparrow ESSM, più potenti ma, grazie alle alette retrattili, capaci di andare in 4 esemplari in ciascuna cella, con una struttura che li rende simili ad un piccolo Standard SM. E i giapponesi, per referenza, già ne conoscevano l'esistenza, lo chiamavano gimanshi ("carta che inganna") e lo utilizzarono addirittura prima degli inglesi nei famigerati e terrificanti raid su Amburgo. I "Virginia migliorati" erano ovviamente previsti con l'AEGIS, ma non vennero mai realizzati e così l'unico incrociatore nucleare dotato di radar a dipoli in fase è rimasto il Long Beach. Il chaff, però, diventa molto più insidioso se a lanciarlo è un aereo a bassa velocità. Per il controllo del tiro i 4 SPG-62, con le loro antenne paraboliche, sono sistemati 2 a prua, sopra la plancia, e 2 a poppa. Il sistema di controllo computerizzato ha anche un nome, ma poco significativo, Mk1. Le corazzate erano molto più potenti in combattimento, ma così lente e (in seguito all'introduzione dei motori a vapore) affamate di carburante che farle operare a lunga distanza era difficoltoso. Prima dell'introduzione della classe Ticonderoga, la marina USA utilizzava una strana convenzione nominativa che lasciava la sua flotta apparentemente quasi senza incrociatori, sebbene diverse sue navi fossero tali senza averne il nome. La classe Belknap era una classe di incrociatori lanciamissili della United States Navy, costituita da navi successive ma non derivate dalle precedenti Leahy, ed ebbe anch'essa nove unità normali più una nucleare che faceva classe a sé (classe Truxtun). Questo avvenne al termine del XIX secolo così rapidamente che un modello vecchio di pochi anni poteva essere completamente superato in prestazioni dagli incrociatori appena prodotti. Le grandi navi armate di cannoni divennero obsolete a causa della migliore potenza aerea e delle difese costiere a lungo raggio. La classe Virginia era una classe di incrociatori lanciamissili in servizio con la United States Navy da metà anni settanta a metà anni novanta. Incrociatori pesanti britannici: La storia delle navi Sign in to follow this . Questo cambiamento portò alla fine delle operazioni indipendenti da parte di grosse navi o di task force di piccole dimensioni, ed a partire dalla seconda metà del XX secolo le operazioni navali furono basate intorno a flotte di grosse dimensioni capaci di sopportare tutti gli attacchi aerei, salvo i più massicci. Le sovrastrutture, come si è visto, estremamente alte, sono in alluminio, per contenere i pesi a scapito dei costi e della resistenza agli incendi, ma non c'era altro modo per ridurre l'altezza baricentrica.Nessuna concezione della Stealthness era all'epoca in auge, e la RCS dei Ticos (come anche la traccia IR data dalle turbine a gas), ovvero la superficie radar equivalente, dev'essere estremamente elevata, a causa delle ampie superfici verticali e prive di una qualche inclinazione. La conversione dalle vele al vapore produsse l'incrociatore corazzato, essenzialmente una corazzata più piccola e più veloce. Come le loro controparti sovietiche, i moderni incrociatori classe Ticonderoga possono essere usati anche come base per un intero gruppo di battaglia. La Marina degli Stati Uniti e la Marina Russa sono rimaste le uniche a tenere operativi gli incrociatori. Il comunicato della US. Anche nota come classe Aegis, in quanto per lungo tempo l'unica fruitrice di tale sistema di combattimento integrato, rappresenta la classe di incrociatori antiaerei "definitiva" della marina USA. Cosa sia diventato il sistema di combattimento per una nave da guerra lo dimostra chiaramente la stessa "ridenominazione" dei Ticonderoga e Burke, chiamati più sbrigativamente unità AEGIS.Se prima dell'SPY-1 le navi da guerra erano progettate anzitutto come mezzi navali, con relativi armamenti installabili entro le strutture, e i sensori erano solo in terza posizione tra le esigenze della progettazione, dopo le cose si sono fatte ben diverse. La missione degli AEGIS si è ulteriormente evoluta, con l'introduzione di una nuova missione della nave e del suo sistema d'arma: la difesa ATBM, contro missili antiaerei utilizzati come armi antibalistiche contro missili in arrivo: non è chiaro quale sia il livello della portata dei missili e la capacità del sistema (non è chiaro se davvero esista un sistema missilistico capace di assicurare la difesa contro missili balistici), ma sono stati svolti a partire dalla metà del 1995 numerosi test, con i radar AEGIS modificati per tracciare le traiettorie balistiche degli ordigni.Tracciare le traiettorie balistiche è relativamente facile, esistono da decenni radar per rilevare mortai e proiettili di artiglieria, persino di arma da fuoco.La reale validità di un sistema di difesa del genere è difficile da valutare, ma come minimo la nave AEGIS deve affrontare l'ostico problema del fatto che i missili balistici sono puntati verso obiettivi di terra, magari lontano dal mare.I missili sono gli Standard SM-2 dei block più recenti, con numerose modifiche, incluso un nuovo tipo di testata ad energia cinetica. Alla fine degli anni 1960 il governo USA notò una "mancanza di incrociatori" — all'epoca la Marina degli Stati Uniti possedeva sei navi designate come "incrociatori", in confronto ai 19 dell'Unione Sovietica, sebbene possedesse 21 "fregate" con prestazioni pari o superiori agli incrociatori sovietici — ed a causa di questo la Marina nel 1975 eseguì una ridenominazione delle sue forze: Inoltre una serie di fregate pattuglia di classe Oliver Hazard Perry, originariamente designate PFG, vennero ridesignate FFG. : Classe Ticonderoga ... La United States Navy (abbreviato in U.S. Navy o USN) è la marina militare degli Stati … I miglioramenti successivi ne hanno aumentato l'efficacia e la capacità di risposta, con i SM-2MR dei vari block, specie il IIIA adattati progressivamente "per migliorare le capacità d'attacco a bassa quota", che però dice chiaramente come essi non fossero giudicati, nei modelli disponibili durante la Guerra fredda, totalmente adatti contro bersagli a bassissima quota: i primi Standard non potevano ingaggiare bersagli in maniera affidabile se sotto una cinquantina di metri. Anche nota come classe Aegis, in quanto per lungo tempo l'unica fruitrice di tale sistema di combattimento integrato, rappresenta la classe di incrociatori antiaerei "definitiva" della marina USA. I missili a guida radar hanno poi un PK, probability of kill, molto diverso al variare del tipo del bersaglio e della quota: i Sea Dart durante la Guerra delle Falklands hanno dimostrato circa l'80% di PK contro aerei in volo ad alta quota, ma contro bersagli a bassissima quota si sono ritrovati, quando sono risultati utilizzabili, circa l'11%. Dagli anni 1950 fino agli anni 1970 gli "incrociatori" della U.S. Navy furono grandi vascelli equipaggiati con pesanti missili offensivi (incluso il missile con testata nucleare Regulus) per il combattimento a grande distanza contro bersagli terrestri e marini. Le turbine a gas hanno un consumo elevato, e una traccia infrarossa altrettanto notevole. L'array è un sistema passivo a scansione elettronica ed è un componente chiave del sistema di combattimento Aegis.