Paolo scrisse a Timoteo: “Prima [ero] bestemmiatore [avevo parlato male di lui] e persecutore e insolente”. Proprio come Pietro lo aveva rinnegato tre volte, adesso Gesù gli diede per tre volte l’opportunità di dichiarare il proprio amore in presenza degli altri discepoli. Pietro non era un codardo. Mio padre lavorava molto e la loro era una relazione travagliata. . Trovando la tomba aperta, esitò a entrare. 3, 4. Giunto alla porta, Pietro non ottenne il permesso di entrare. Quando arrivarono lì, Pietro decise di andare a pescare nel Mar di Galilea, e alcuni altri si unirono a lui. Nondimeno, il fatto che è possibile bestemmiare contro lo spirito di Dio sottolinea l’importanza di evitare il più possibile le parole peccaminose. Essendo un uomo di grande fede, Pietro può ancora risollevarsi e imparare una delle cose più importanti che Gesù possa insegnargli: il perdono. In che modo Pietro si dimostrò all’altezza del suo nome? 26 Riferendosi evidentemente alla grande quantità di pesce pescato, Gesù chiese a Pietro: “Mi ami tu più di questi?” Pietro teneva di più all’attività di pesca o al suo Signore? 18:15, 16, 18). Di questi io sono il principale. Coniugazione del Verbo Essere in tutti i tempi e modi : maschile, femminile, Indicativo, congiuntivo, imperativo, infinito, condizionale, participio, gerundio. 24, 25. Andò verso il vestibolo cercando di non farsi notare, ma un’altra ragazza si accorse di lui e fece notare la stessa cosa: “Quest’uomo era con Gesù il Nazareno”. (a) Di quale correzione ebbe bisogno Pietro nel Getsemani? Uno di loro, che era imparentato con Malco, lo schiavo che Pietro aveva ferito, disse: “Io ti ho visto nell’orto con lui, non è vero?” Per convincerli che si sbagliavano, Pietro si mise a giurare, evidentemente invocando su di sé il male  qualora la sua fosse una menzogna. Mi sentivo ancora bloccato , intrappolato e incapace di lasciar andare, andare avanti e onorare i miei bisogni. Leggiamo: “Mi fu mostrata misericordia, perché ero nell’ignoranza e agivo per mancanza di fede”. I cristiani che peccano devono ricordarsi delle vicende di Pietro. 28:11-14. 13:1-17). Sicuramente tutti gli apostoli si saranno rammaricati del loro comportamento in quella terribile notte e avranno cercato di farsi un po’ di coraggio a vicenda. Qual è l’unico modo per seguire Cristo? Era proprio il caso di essere prudenti. 12:24-32. ed era vuota (Giov. Predisse, però, che tutti lo avrebbero abbandonato. 9 Più tardi nel Getsemani Pietro ebbe bisogno di essere corretto più di una volta. Chi invece perdona davvero, come fa Dio, perdona liberalmente. Giovanni, forse perché più giovane, arrivò per primo. Un’ulteriore prova che era stato perdonato Gesù disse agli apostoli di recarsi in Galilea, dove l’avrebbero incontrato di nuovo. La Bibbia risponde: “Dopo essersi radunati con gli anziani e aver tenuto consiglio, questi diedero ai soldati un bastante numero di pezzi d’argento, dicendo: ‘Dite: “I suoi discepoli son venuti di notte e l’hanno rubato mentre noi eravamo addormentati”. 13 Come Pietro, oggi molti pensano di poter seguire Cristo “da lontano”, in modo tale da passare inosservati. 18:10, 11). 15:5). Come trascorse Pietro la notte del processo di Gesù? (b) In che modo Gesù aveva fatto emergere che Pietro era stato condizionato dall’atteggiamento diffuso in quel periodo? Ciò nonostante Gesù li corresse benevolmente e addirittura li lodò per quello che fin lì avevano fatto di buono, ovvero per essere rimasti al suo fianco. Anno 2009, inizio a frequntare un ragazzo e dopo diversi mesi rimango incinta, lui mi abbandonò per 8 lunghi mesi, poi è tornato pentito ed io da scema l'ho perdonato ma facendo la cosa migliore: ho dato a mio figlio il mio cognome (non sapevo più chi avessi di fronte e così decisi di tutelarmi in quel modo) la storia durò altri 3 anni circa. Pietro gli sarà stato estremamente grato per la sua misericordia e avrà fatto tesoro di quell’insegnamento. Pazientemente Gesù corresse Pietro, sanò l’orecchio di Malco ed espose un principio che richiama la nonviolenza, principio al quale si sarebbero ispirati i suoi seguaci fino ai nostri giorni (Matt. Alla fine, però, insisté perché Gesù gli lavasse non solo i piedi ma anche le mani e la testa. (Atti 7:60) Nel suo cuore, Paolo voleva realmente fare ciò che era giusto, come si vede dal suo zelo per la tradizione giudaica e dalla sua stretta osservanza dell’insegnamento dei Farisei. (Leggi Giacomo 3:2.) Ma rifiutarono di glorificare Geova Dio. In pochi, ad ogni modo, sapevano che prima di arrivare a Madrid nel lontano 2015, il classe 1998 era stato ad un passo dal Barcellona. 1:15, 16. Ma basta un solo sguardo perché Pietro capisca la gravità del suo errore. In modo miracoloso Pietro era stato informato del loro inganno, e il suo giudizio indicò che il loro peccato non sarebbe stato perdonato (Atti 5:1-11). Nella sua lettera a Timoteo, ammise quale grande misericordia gli era stata mostrata e indicò anche perché era stato perdonato. Imparò dal suo Maestro il valore del perdono, Opzioni per il download delle pubblicazioni CONDIZIONI D’USO Ha appena fatto esattamente quello che Gesù aveva previsto; nonostante avesse garantito che non lo avrebbe mai fatto, ha rinnegato il suo Maestro. Simone e Cefa erano altri nomi di Pietro. D’impulso, invece, Pietro brandì la spada e recise un orecchio a Malco, schiavo del sommo sacerdote. In ciascun caso Gesù gli disse come avrebbe potuto dimostrarlo: dando la priorità al sacro servizio, pascendo e rafforzando le sue pecore, i suoi fedeli seguaci (Giov. 26:47-55; Luca 22:47-51; Giov. Mi veniva quasi da ridere perché in realtà è stato il contrario. 11, 12. Nel corso della carriera Morgan si è sempre mostrato come un talento eclettico ed eccezionale, con pochi eguale nel mondo della musica italiana. 1:13; confronta Parola del Signore. 10 Di lì a poco arrivò una turba di persone con torce, spade e bastoni. 24 Gesù disse ai suoi apostoli di andare in Galilea, dove si sarebbero rivisti. In un deplorevole rigurgito di ambizione, gli apostoli stavano bisticciando su chi di loro fosse il più grande, e senz’altro Pietro prese parte a quella discussione. Egli ad ogni modo si premurò di nominare due suoi nipoti, Kaicili Tidore e Kaicili Katarabumi, alla carica di reggenti sino a quando il bambino non avesse raggiunto l'età adulta. Leggiamo: “Mi fu mostrata misericordia, perché ero nell’ignoranza e agivo per mancanza di fede”. Gesù aveva risposto: “Io non ti dico: Fino a sette volte, ma: Fino a settantasette volte” (Matt. In quali modi Pietro mise alla prova la misericordia di Gesù? 22 Pietro non credette subito alla risurrezione di Gesù, nonostante alcune donne devote avessero riferito che degli angeli erano apparsi loro per annunciare che era risorto (Luca 23:55–24:11). IN UN’OCCASIONE Gesù Cristo disse a certi Farisei: “Ogni peccato e ogni bestemmia [cattive parole; calunnia; parola empia] saranno perdonati agli uomini, ma la bestemmia contro lo spirito non sarà perdonata. A quel punto, come gli altri apostoli, scappò. Quindi le Scritture indicano chiaramente che il peccato contro lo spirito implica l’agire consapevolmente e deliberatamente contro l’innegabile evidenza dell’operato dello spirito santo, come fecero i capi sacerdoti e certi Farisei ai giorni del ministero terreno di Gesù. Pietro replicò che lui sarebbe rimasto accanto a Gesù anche a costo di morire. 14:54-57; Giov. 17 Gesù era appena uscito su una loggia che dava sul cortile. Qual è forse il peggior momento della vita di Pietro? Era ignorante, cieco alla verità relativa al Figlio, e quindi senza fede in Gesù Cristo. Non c’era modo migliore in cui Gesù potesse dimostrare di averlo perdonato del tutto. Si trovò ben presto fra gli odiati, perseguitati, ingiuriati discepoli del Figlio di Dio. Non l’ho perdonato perché non si può perdonare una persona che ha fatto quelle cose a così tante donne. Gesù aveva ancora molti insegnamenti da trasmettere ai suoi apostoli, tra cui il valore dell’umiltà. La loro bestemmia o il loro parlare ingiurioso può essere perdonato se si pentono. I SUOI occhi incrociano quelli di Gesù. Forse coglie nell’espressione del Maestro qualche segno di delusione o disapprovazione, per quanto la cosa non sia certa; il racconto dice solamente che “il Signore, voltatosi, guardò Pietro” (Luca 22:61). 21:15-17; Luca 22:32). Per esempio, a chiunque dica una parola contro il Figlio dell’uomo sarà perdonato; ma a chiunque parli contro lo spirito santo non sarà perdonato”. Pietro avrebbe svolto un ruolo di rilievo all’interno della congregazione guidata da Cristo. 26, 27. Ma per quanto triste, Pietro non sprofondò nel baratro della disperazione. Nella sua lettera a Timoteo, ammise quale grande misericordia gli era stata mostrata e indicò anche perché era stato perdonato. Era convinto che la legge mosaica approvasse la sua condotta, poiché quella legge diceva dell’apostata: “Non devi acconsentire al suo desiderio né ascoltarlo, né il tuo occhio lo dovrebbe commiserare, né devi provar compassione, né coprirlo protettivamente; ma dovresti ucciderlo senza fallo”. (a) In quali modi Pietro mise ancora alla prova la pazienza di Gesù? Sopraffatto dal senso di colpa, uscì dal cortile. 14. 28. Penso che sia nel posto dove merita di stare». Forse è quello che avrà pensato Pietro. 21:4-14). In tono accusatorio disse: “Anche tu eri con Gesù il Galileo!” Colto alla sprovvista, Pietro negò di conoscere Gesù, fingendo addirittura di non sapere di cosa stesse parlando la ragazza. Pietro giurò: “Non conosco quell’uomo!” (Matt. 15 Alla luce del fuoco, la ragazza che aveva fatto entrare Pietro riuscì a vederlo meglio e lo riconobbe. 20. L’apostolo Paolo lo indicò enfaticamente, dicendo: “Fedele e meritevole di piena accettazione è la parola che Cristo Gesù venne nel mondo per salvare i peccatori. 27 Gesù confermò in questo modo che, per lui e per suo Padre, Pietro era ancora prezioso. 26:58; Giov. — Atti 9:3-25; 18:5, 6. Cosa fece svanire in Pietro ogni traccia di tristezza e incertezza? 13:8, 9) Convinto d’avere ragione, Paolo continuò ad agire contro i discepoli di Cristo in modo prepotente e arrogante e così rivelò d’essere un “insolente”. Quando si è tristi o schiacciati dal peso del rimorso, voler stare da soli è naturale ma anche pericoloso (Prov. Che cosa significa bestemmiare lo spirito santo? Si ritrovò così sul lago in cui in precedenza aveva speso buona parte della sua vita. Gesù ha l’autorità di perdonare ogni peccato e ogni blasfemia. Non c’era modo migliore in cui Gesù potesse dimostrare di averlo perdonato del tutto. Di sicuro ci sarà voluta una buona dose di coraggio per seguire Gesù. Pietro si sarà commosso nel rivedere in vita il suo Signore e nell’esprimere tutto il suo rammarico. Furono testimoni oculari dei miracoli e delle opere potenti dello spirito di Dio che operava per mezzo di Gesù Cristo. 5. (Deut. Come si sarà sentito Pietro per via del suo errore, ma da cosa si capisce che non sprofondò nella disperazione? I pescatori lo fecero, e tirarono su ben 153 pesci. Alla luce della luna piena ormai prossima a tramontare, vagò per le strade della città con gli occhi velati di lacrime. Nonostante la condanna a sette anni di reclusione, Lisandro Posselt ora torna libero: la legge brasiliana, infatti, non prevede il carcere per chi è incensurato e subisce una pena inferiore agli otto anni. 6 Era un momento cruciale, l’ultima sera di Gesù prima di morire. La Torre di Guardia annunciante il Regno di Geova 1970, La Torre di Guardia annunciante il Regno di Geova 2007, La Torre di Guardia annunciante il Regno di Geova 1992. La folla era armata, e Pietro aveva già ferito un uomo. Siamo spiacenti, c’è stato un errore nel caricamento del video. (b) Cosa ci ricordano gli errori di Pietro? Chi, con piena consapevolezza e deliberazione, si oppone a Dio e a Cristo, nasconde la verità e propaga menzogne si rende colpevole di peccare contro lo spirito santo, un peccato che non può essere perdonato. 15, 16. Gesù era emotivamente provato e aveva bisogno di sostegno, ma Pietro e gli altri si addormentarono più volte. Il 28enne era stato arrestato immediatamente e posto in custodia cautelare fino al processo di pochi giorni fa. La notte di Pietro, comunque, non era finita. 20 Nonostante la situazione, è qui che si vede Pietro fare una delle sue scelte migliori. Quando un servitore di Dio sbaglia, quello che più conta non è la gravità dell’errore ma la forza di volontà che ha per rialzarsi, per rimediare.