Il codice tributo 8911 è un codice utilizzabile nel modello F24 per poter versare le sanzioni per violazioni relative a imposte sul reddito, e per l imposte sostitutive Irap e Iva. Ecco qui di seguito il quadro di sintesi delle diverse fattispecie sanzionatorie applicabili in caso di … Sanzioni dichiarazione IVA 2018 tardiva entro 90 giorni. Il codice tributo 8911 è uno strumento che un contribuente utilizza quando sceglie di regolarizzare volontariamente la sua posizione fiscale dopo la data di scadenza prefissata. a) dover utilizzare il codice tributo "8911" (secondo la miglior dottrina tale codice va attualmente utilizzato tutte le volte in cui si deve sanare una violazione riferita ad una dichiarazione (redditi, Iva, Irap e 770): dichiarazione tardiva, dichiarazione infedele, ecc. L’utilizzo del codice tributo 8911, ... fa una dichiarazione tardiva in cui, autonomamente, rettifica le proprie irregolarità relative a qualsiasi tipo di versamento effettuato in ritardo. Codice tributo per il pagamento delle sanzioni pecuniarie per altre violazioni tributarie relative alle imposte sui redditi, alle imposte sostitutive, all'Irap e all'Iva dovute in caso di ravvedimento operoso ad esempio di una tardiva presentazione della dichiarazione dei redditi o di un modello F24 a zero. Superato il termine per la trasmissione delle dichiarazioni dei redditi del 2 dicembre 2019, proponiamo una breve disamina di quelle che sono le sanzioni in caso di omessa o tardiva presentazione, con i possibili rimedi in capo all’intermediario. Il sistema prevede però sanzioni ridotte per la dichiarazione tardiva. 7-bis del DLgs.241/1997, che punisce con una sanzione da 516,00 a […] Permalink. ... occorre distinguere tra dichiarazione integrativa e dichiarazione tardiva. Si tratta, appunto, di un codice specifico che il contribuente è tenuto a indicare sul modello F24 nel momento in cui decide di provvedere al pagamento delle imposte e delle relative sanzioni a seguito, per esempio, di una presentazione tardiva della dichiarazione dei redditi, o di un pagamento non immesso … Per l’anno 2019 le cifre di riferimento sono pari a 423 euro per i plurimandatari e 846 euro per i monomandatari. Il riferimento è al caso in cui il contribuente si avvale della possibilità di ricorre all’istituto del ravvedimento operoso, entro i 90 giorni dalla scadenza dei termini per la presentazione del modello Unico, versando una sanzione ridotta di 25 euro per ciascuna dichiarazione di cui il modello Unico è composto. Quest’anno, l’approvazione del decreto Ristori quater ha ufficializzato la proroga al 10 dicembre 2020 (inizialmente era fissata al 30 novembre) della scadenza di presentazione della dichiarazione dei redditi 2020, anno imposta 2019, e del modello Irap 2020. Il codice tributo sembra essere “8911” generico per “Sanzioni pecuniarie per altre violazioni tributarie relative alle imposte sui redditi alle imposte sostitutive all’IRAP e all’IVA”. 31 maggio 2017 Circolare informativa FISCO n.10/2017 2. L’invio tardivo della dichiarazione, come abbiamo appena visto, può essere sanato semplicemente versando la sanzione di 25 euro con modello F24 e codice tributo 8911. ravvedimento e utilizzando i codici tributo di riferimento. L’esempio, tuttavia, è relativo, in modo generico, al codice tributo 8911, e non allo specifico caso della dichiarazione tardiva. 25 (riduzione a 1/10) 8911: Anno in cui è stata commessa la violazione Dichiarazione tardiva e integrativa di Federica Furlani ... l’anno solare, ... non presentata, utilizzando il codice tributo “8911”. Non sei ancora registrato?Clicca e prova GRATIS i nostri servizi! Redditi SC, SP e PF 2020- Persone Fisiche non titolari di Partita Iva. devo presentare la mia dichiarazione unico persone fisiche per il periodo d'imposta 2004, unico 2005, entro 90 giorni dal 31 ottobre 05. La sequenza numerica 8911 va infatti inserita di fianco alla voce “Codice Tributo”. DICHIARAZIONE TARDIVA SANZIONE PIENA RAVVEDIMENTO OPEROSO SANZIONE RIDOTTA CON RAVVEDIMENTO CODICE TRIBUTO ANNO DI IMPOSTA; Dichiarazione presentata nei 90 gg dalla scadenza €. Unico Tardivo nei 90 gg - anno di riferimento del cod. 8901 deve dare conto del periodo cui vanno riferiti i versamenti di Irpef); nel caso di specie, tuttavia,  non si è in presenza di alcun debito di imposta. (1) codice tributo: indicare 8924 (2) rateazione/regione/prov/mese rif: non compilare (3) anno di riferimento: Anno in cui si realizza la violazione o il ritardo , nell’esempio 2021 (4) importi a debito versati: indicare l'importo a debito, nell’esempio 6.000,00 (5) importi a … Ciò va in controtendenza rispetto all’esempio di compilazione del modello F24 presente sul sito delle Entrate, ove si propone di indicare “l’anno di imposta per cui si effettua il pagamento”. Se era tenuto alla presentazione anche alla dichiarazione IRAP dovrà sommare altri 25 euro a titolo di sanzione per tale imposta, utilizzando lo stesso codice (8911) e l’anno di riferimento. La sanzione legata all’invio della dichiarazione tardiva deve essere versata mediante il modello F24 indicando il codice tributo 8911. Il versamento della sanzione deve avvenire con modello F24, utilizzando il codice tributo 8911, periodo di riferimento l’anno in cui è stata commessa la violazione, in questo caso l’anno “n”. Email: info@redazionefiscale.it, la dichiarazione è valida (non viene considerata “omessa”). 25 (codice tributo “8911”), in quanto la sanzione piena applicabile è di €. In caso di invio entro 90 giorni dalla scadenza (ovvero entro il 30 luglio 2018) la sanzione applicata è pari ad un minimo di 258 euro e fino a 2.065 euro. Via G. A. Longhin, 103 In tal senso pare deporre la Guida n. 6/2005 “Errori Fiscali” (ultima guida rilasciata dall'Agenzia Entrate) nell’esempio a pag. codice tributo “8911” – Sanzioni per il monitoraggio fiscale IVIE e IVAFE. Entro tale data il contribuente può sanare tale violazione: La sanzione si applica per ciascuna “dichiarazione” (redditi/IVA/IRAP) a prescindere dalla presentazione in forma unificata delle stesse (CM 54/2002); pertanto, se  la dichiarazione IVA è  inviata in forma unificata, occorre  versare la sanzione ridotta per ciascuna dichiarazione, ossia € 50 (25 x 2). il codice tributo 8911; indicando come anno di riferimento quello in cui la violazione è stato commessa (quindi, ad esempio il 2016). 471 del 99/99/1997, I dati proposti nell’esempio sono solo a titolo esemplificativo, Agenzia delle Entrate - via Giorgione n. 106, 00147 RomaCodice Fiscale e Partita Iva: 06363391001, Prevenzione della corruzione e trasparenza, Informativa sul trattamento dei dati personali, Prenota un appuntamento e recapiti uffici. Se dalla dichiarazione IVA tardiva risulta un’imposta dichiarata e non versata, la violazione è sanzionabile così: 35129 Padova PD, Tel: 0464 480 556 4-decies del DL n. 34/2019 convertito con modifiche dalla Legge n. 58/2019). Ravvedimento modello 770/2019, la scadenza di oggi, 27 gennaio 2020, interessa i sostituti di imposta.. È infatti l’ultimo giorno a disposizione per chi non ha presentato la documentazione entro il termine scaduto il 31 ottobre 2019.. dopo la constatazione della violazione: sanzione pari a 100 euro (1/5 di 500 euro). ... e dichiarazione tardiva. Per cui se la D.U. La risposta è stata: ravvedimento con versamento di 32 euro codice tributo 8911 anno di riferimento 2007 (anno in cui è stata commessa la violazione). La sanzione legata all’invio della dichiarazione tardiva deve essere versata mediante il modello F24 indicando il codice tributo 8911 anno di riferimento 2019. dall’1.1.2010 e fino al 31.12.2010. Ciò potrebbe indurre a ritenere di dover indicare l'anno "2014" nel caso di ravvedimento della tardiva presentazione di Unico 2015; tuttavia si ritiene che il periodo corretto da indicare sia l'anno "2015" per le considerazioni di cui appresso. 13 (evidentemente riferito al ravvedimento di una dichiarazione dei redditi del periodo 2004): - Mod. In questo caso, è fondamentale identificare la natura del pagamento attraverso il codice tributo 8911. (1) codice tributo: indicare 8911 (2) rateazione/regione/prov/mese rif: non compilare (3) anno di riferimento: Anno d'imposta per cui si effettua il pagamento, nell’esempio 2019 (4) importi a debito versati: indicare l'importo a debito, nell’esempio 6.000,00 … comprendeva sia i redditi che l’iva, il trasgressore pagherà €. 8911 codice tributo ravvedimento esempi di compilazione. Si tratta di un codice specifico che viene utilizzato da un contribuente quando decide di regolarizzare la propria posizione fiscale dopo della data di … L’invio di una dichiarazione tardiva pone il problema di individuare l’anno di riferimento da indicare sul modello F24 relativo al versamento della sanzione. Quando si deve compilare il modello F24 è necessario utilizzare il codice tributo 8911. La Sanzione dichiarazione IVA 2020 presentata in ritardo è da 120% al 240% dell’imposta dovuta, per cui da 250 euro a 2.065 euro ma può comunque essere ridotta, nel caso in cui il contribuente decida di regolarizzare la violazione autonomamente con il ravvedimento operoso.. b) anno di riferimento: le istruzioni al codice tributo dispongono di indicare l'"anno d'imposta per cui si effettua il pagamento". In altre situazioni, al contrario, viene richiesta l'indicazione dell'anno in cui è stata commessa la violazione: si pensi alla RM 338/2007 in relazione alle violazioni dell’intermediario abilitato,  oppure al ravvedimento da effettuare a causa del tardiva presentazione dell’F24 a saldo zero. DICHIARAZIONE TARDIVA SANZIONE PIENA RAVVEDIMENTO OPEROSO SANZIONE RIDOTTA CON RAVVEDIMENTO CODICE TRIBUTO ANNO DI IMPOSTA; Dichiarazione presentata nei 90 gg dalla scadenza €. Codice tributo per il pagamento delle sanzioni pecuniarie per altre violazioni tributarie relative alle imposte sui redditi, alle imposte sostitutive, all'Irap e all'Iva dovute in caso di ravvedimento operoso ad esempio di una tardiva presentazione della dichiarazione dei redditi o di un modello F24 a zero. Se dalla dichiarazione IVA tardiva risulta un’imposta dichiarata e non versata, la violazione è sanzionabile così: Il versamento della sanzione deve essere effettuato, appunto, tramite modello F24, indicando come codice tributo 8911 e come anno di riferimento quello in cui è avvenuta la tardiva presentazione. trib. caso 2014). 8901,  destinato a sanare i tardivi versamenti di Irpef; in tal caso il cod. (1) codice tributo: indicare 8911 (2) rateazione/regione/prov/mese rif: non compilare (3) anno di riferimento: Anno d’imposta per cui si effettua il pagamento, nell’esempio 2017 (4) importi a debito versati: indicare l’importo a debito, nell’esempio 6.000,00 … In presenza di una dichiarazione non inviatam, per la quale si provvede alla trasmissione entro 90 giorni dal termine ultimo (in generale, il 30 settembre dell'anno successivo): Pertanto, in relazione al periodo d'imposta 2014, per i soggetti (PF/SP/SC) con esercizio coincidente con l’anno solare, sono “tardive” le dichiarazioni inviate per la prima volta entro il prossimo 29/12/2015. La norma sanzionatoria è contenuta all’art. L’anno di riferimento da indicare nel modello F24. Il versamento della sanzione deve essere effettuato, appunto, tramite modello F24, indicando come codice tributo 8911 e come anno di riferimento quello in cui è avvenuta la tardiva presentazione. (Circ. 258: SI €. Lo si usa quando si ricorre allo strumento che permette di regolarizzare la propria posizione in maniera spontanea e volontaria. Di conseguenza la dichiarazione tardiva, ... utilizzando il codice tributo “8911”. La Dichiarazione tardiva deve essere compilata sul modello ministeriale, riportando nelle annotazioni la dicitura "ravvedimento operoso per tardiva dichiarazione” e allegando copia della ricevuta di versamento. Ravvedimento operoso parziale/frazionato: le novità del Decreto Crescita (art. (1) codice tributo: indicare 8911 (2) rateazione/regione/prov/mese rif: non compilare (3) anno di riferimento: Anno d’imposta per cui si effettua il pagamento, nell’esempio 2017 (4) importi a debito versati: indicare l’importo a debito, nell’esempio 6.000,00 (5) importi a … 8911. Normativa di riferimento. ... Anno di riferimento: scrivere l’anno in cui l’imposta da pagare è scaduta. L’invio di una dichiarazione tardiva potrebbe porre il problema di individuare l’anno di riferimento da indicare sul modello F24 relativo al versamento della sanzione. 258: SI €. Tale codice tributo si ritiene applicabile anche per il versamento delle sanzioni derivanti dal quadro RW. In generale tale dizione viene utilizzata nel caso in cui si proceda a sanare dei versamenti di debiti d'imposta di un periodo (si pensi al cod. In pratica, in assenza di imposte dovute, la regolarizzazione comporta il versamento della sanzione ridotta a €. Fonte: Eutekne.info Conseguenze in caso di dichiarazione omessa Allora, se, come nella specie, si ravvede la tardiva presentazione del modello REDDITI 2019 (relativo al 2018), nel campo “anno di riferimento” bisogna indicare “2019”, essendo a questi fini irrilevante che il ravvedimento, materialmente, sia avvenuto nel corso dell’anno 2019 o nel 2020.